Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più

sorriso au pair

Un ragazzo/a alla pari è infatti  un giovane, nella maggior parte dei casi studente, che vive ospite in famiglia in un Paese diverso dal proprio, per un tempo determinato, per conoscerne la cultura e la lingua e per fare nuove esperienze di vita.

Dai 18 ai 30 anni di età - dipende dal Paese di destinazione- che  in cambio di vitto, alloggio e una paghetta settimanale, quotidianamente  si prende cura dei bambini della famiglia ospitante svolgendo piccole mansioni domestiche (per es. cucinare per loro, mettere in ordine le loro cose e le loro camere, riordinare la casa e dare una mano in cucina, ecc.). Sono esclusi i lavori pesanti poiché l'au pair non è e non deve essere considerata una domestica, dato il suo ruolo e l'esclusivo scopo culturale del soggiorno.

apply nowcontact us



Come au pair sarai considerata come un membro della famiglia: avrai una tua camera dove poter studiare e la possibilità di frequentare un corso di lingua.
La famiglia ospitante sarà ben contenta di aiutarti in questa nuova esperienza accogliendoti amichevolmente, ricordando che all'inizio del tuo soggiorno incontrerai difficolta' di espressione e nuove abitudini da comprendere e da seguire.

Tu, come ragazza alla pari, ti rivelerai un valido aiuto per la cura dei bambini, per la sistemazione della casa, per assistere alla preparazione della tavola, per aiutare a vestire al mattino i bambini e aiutarli a fare la colazione, per portarli e prenderli a scuola, per accompagnarli a praticare uno sport, per accompagnarli ad una festa di compleanno di amici, per aiutarli nei compiti di scuola, per sorvegliarli, per preparare facili pasti in assenza dei genitori, insomma tutte le mansioni che una sorella più grande potrebbe fare nei confronti dei suoi fratelli.
 

Nel corso degli anni sono state definite diverse formule di lavoro alla pari in Europa:

  • au pair: 30 ore di lavoro alla settimana 2 o 3 sere impegante con la famiglia; il tempo libero è solitamente durante il week end.
  • demi au pair: 20 ore di lavoro al giorno e 2 o 3 sere di baby-sitting a settimana, un giorno e mezzo libero. Frequenza quotidiana e obbligatoria del corso di lingua (generalmente la mattina) e al pomeriggio impegnati con la famiglia.
  • mother’s help/aiuto madre 35 ore a settimana: più 2 o 3 sere di baby-sitting e il week end intero libero. Solitamente è richiesta maggior esperienza coi bambini molto piccoli (0-2 anni).
  • tutor: 15 ore di lezione della propria lingua alla famiglia ospitante. Per persone autonome.

 

Quando la famiglia ospitante andrà in vacanza per un lungo periodo generalmente  ti porta con sé continuando a darti la paghetta stabilita e tu svolgerai regolarmente  le tue mansioni (escluso casi di accordi particolari diretti tra le parti, per es. nei quali ci si accorde che la ragazza resta a casa o va in vacanza da sola per il tal periodo).
Durante le festività di  Natale o Pasqua in accordo con la famiglia ospitante potrai rientrare a casa (con spese di viaggio a tuo carico, salvo eccezioni).
Quando il soggiorno è uguale o superiore ai sei mesi si ottiene una settimana intera di vacanza con il pocket money comunque pagato, nel caso di dodici mesi due settimane, questo per permetterle di approfondire l’aspetto turistico del programma di scambio culturale.

 

CHE DOCUMENTAZIONE SERVE PER DIVENTARE AU PAIR?

Un giovane italiano interessato al programma au pair deve innanzitutto compilare il modulo in ogni sua parte grazie al quale saremo in grado di proporre la famiglia più adatta alle tue esigenze.

Oltre al modulo è necessario allegare:

  • due referenze scritte verificabili
  • un certificato medico di buona salute fisica e psichica
  • un certificato penale, rilasciato da un qualsiasi tribunale italiano
  • copia del diploma di scuola superiore
  • copia del passaporto o altro documento d’identità
  • copia della carta sanitaria europea
  • copia della patente di guida se in possesso
  • un collage fotografico o qualche foto tua con la tua famiglia e coi tuoi amici e possibilmente con dei bambini (non per il tutor).
  • una dear family letter, in cui l’au pair si presenta alla sua possibile futura famiglia

Questa documentazione deve essere trasmessa via email o a mano a International Au Pair Italy.

QUANTO MI COSTA DIVENTARE AU PAIR?

Nel momento in cui presenterai  l'intera documentazione e questa verrà approvata dunque accettata, ti verrà richiesta la quota di iscrizione di 80 euro a cui dovrai aggiungere il saldo di 210 euro per un soggiorno fino a tre mesi e di Euro 310 per un soggiorno dai 4 ai 12 mesi, il saldo verrà richiesto solo alla conferma tuo e della famiglia.

Con il pagamento dell’iscrizione si avrà diritto ad un' assistenza prima della partenza e con il saldo durante tutto il soggiorno, per cui ci sarà sempre una persona di riferimento a cui rivolgerti per aiuti, consigli e/o disagi, in Italia sarà un addetto di International Au Pair Italy e nel Paese di destinazione una persona dell’agenzia nostra corrispondente che ti verrà comunicato prima della partenza nel momento della conferma.

Uno sconto del 50% verrà attuato qualora ci sia già stato già una preselezione, cioè il giusto match con potenziali candidati non della nostra associazione e richiediate l'assistenza per il controllo dei documenti, la redazione dell'agreement, consulenza per il visto e quant'altro necessario per finalizzare il rapporto con maggior sicurezza.

I viaggi di andata e ritorno sono a carico dell’au pair, come anche un’eventuale assicurazione sanitaria laddove non sia possibile godere del Servizio Sanitario Europeo, ad eccezione degli stati Uniti d’America e della Cina dove il viaggio aereo e l’assicurazione sanitaria sono a carico della famiglia ospitante.

 

 

Agenzia per la ricerca e la selezione
di ragazze alla pari e famiglie ospitanti

 

 

i nostri partner

  
wysetc
  iapa aniap