famiglia ospitante au pair italy

E' una famiglia ospitante, anche monoparentale, quella che ha deciso di ospitare una ragazza/o alla pari, perché ha bisogno di un valido aiuto per la cura dei bambini o in assenza di questi perchè vuole approfondire la conoscenza di una lingua (tutor).
L’au pair ha generalmente un'età tra i 18 a 30 anni e giornalmente si prenderà cura dei vostri bambini con svolgimento di piccole faccende domestiche quotidiane (diversamente dal tutor) in cambio di vitto, alloggio e di una paghetta settimanale. La ragazza sarà considerata come un membro della famiglia, ed avrà una camera propria dove poter studiare e la possibilità di frequentare un corso di lingua italiana.
In qualità di famiglia ospitante avrete il compito di aiutarla ad inserirsi accogliendola amichevolmente, sapendo che all’inizio del suo soggiorno incontrerà difficoltà di espressione e nuove abitudini da comprendere e da seguire.

apply nowcontact us

famiglia ospitante gaia leonardi au pair

L’au pair si rivelerà un valido aiuto per la cura dei bambini: baby sitting, accompagnarli a scuola, andarli a prendere, portarli alle attività sportive, al parco, assisterli nei pasti, impartire lezioni di lingua straniera, fargli il bagnetto, vestirli e farli giocare. Si occuperà anche della pulizia della loro camera e la cura del guardaroba (lavatura e stiratura) e inoltre si renderà disponibile a dare un leggero aiuto nei lavori domestici non pesanti. Sono esclusi i lavori domestici pesanti perché la ragazza au pair non è e non deve essere considerata una domestica, date le sue caratteristiche e l’esclusivo scopo culturale del suo soggiorno in Italia.

Il vostro ospite terrà in ordine e pulita la propria camera e provvederà personalmente alla propria biancheria e al proprio guardaroba (lavatura e stiratura, ecc).

Tra la famiglia e l’au pair verrà stipulato un accordo scritto in cui si specificano i doveri dell’ospite e le abitudini più rilevanti della famiglia prima dell'arrivo dell'ospite.


Generalmente il tempo che l’au pair deve dedicare alla famiglia non supera le 5/6 ore al giorno e dovrà essere concentrato nella prima parte della mattinata o nel  pomeriggio in modo tale che ad essa rimanga mezza giornata libera.

 

Le più frequenti formule di scambio alla pari utilizzate in Europa sono:

  • au pair:  25 ore di lavoro alla settimana 2 o 3 sere impegante con la famiglia; il tempo libero è solitamente durante il week end.
  • demi pair: 20 ore di lavoro al giorno e 2 o 3 sere di baby-sitting a settimana, due giorni interi liberi, il week-end. Frequenza quotidiana e obbligatoria del corso di lingua (generalmente la mattina).
  • tutor: 15 ore di lezione della propria lingua alla famiglia ospitante.  

 

Quando la ragazza avrà accettato di essere ospitata presso la famiglia, quest’ultima invierà una lettera d’invito all’ au pair e per conoscenza a International Au Pair Italy, che potrà servire eventualmente anche per il visto di studio.

Qualora si verifichi qualsiasi tipo di problema d’incompatibilità tra la ragazza e la famiglia tale che non sia possibile continuare il programma (entro un mese dall’arrivo in famiglia per le altre), l’Agenzia provvederà a trovare un altro collocamento all’ au pair e una nuova au pair alla famiglia (compatibilmente con la effettiva disponibilità di candidate con le caratteristiche richieste dalla famiglia ospitante). Questo solo per i soggiorni a lunga durata.

 

Evidenziamo che la celerità nell’assegnazione dell’au pair dipende dall’effettiva disponibilità al momento della richiesta di una ragazza adatta alle caratteristiche e alle richieste di ciascuna famiglia.
La ricerca iniziera’ nel momento in cui l’agenzia avra’ ricevuto dalla famiglia tutta la documentazione richiesta e la quota associativa.
 

International Au Pair Italy rimarrà a disposizione della famiglia durante tutto il periodo che ospiterà l’au pair per qualsiasi dubbio o suggerimento dovesse occorrere.
 

 

Agenzia per la ricerca e la selezione
di ragazze alla pari e famiglie ospitanti

 

 

sponsorship



  
wysetc
    iapa aniap